lunedì 18 aprile 2011

Punch-Drunk Love - Ubriaco d'amore


Punch-Drunk Love
Di Paul Thomas Anderson, 2002 (USA)
Con Adam Sandler, Emily Watson, Luis Guzmán, Philip Seymour Hoffman
Scritto da Paul Thomas Anderson
Montaggio di Leslie Jones
Fotografia di Robert Elswit
Musiche di Jon Brion
Durata: 95 min.

Barry Egan è timido, solitario, si veste di blu, dirige una piccola azienda di scopini per water, sturalavandini e altri accessori, e ha sette sorelle assillanti che non la smettono di prenderlo in giro e di volersi prendere cura di lui. La sua principale occupazione è però quella di approfittare di un errore di marketing della Healthy Choice, un'azienda di surgelati che regala miglia aeree gratuite in cambio dei punti contenuti nelle confezioni dei propri prodotti. Barry ha infatto calcolato che il valore delle miglia offerte è di gran lunga superiore ai soldi necessari per raccogliere i punti, e passa quindi il tempo a collezionare pudding surgelato, che è il prodotto col maggior numero di buoni. Questo particolare del film è tra l'altro basato sulla vera storia di David Phillips, un professore universitario che continua a volare gratis da anni.
Ad ogni modo, un mattino come un altro, recandosi al lavoro, la sua ruotine viene scossa da uno strano incidente automobilistico (a cui assiste ma in cui non rimane coinvolto – quello in cui rimane coinvolto arriverà dopo), dal ritrovamento casuale di un armonium e, soprattutto, dall'incontro con la spaesata Lena. Quella stessa sera, in una cena con tutte le sorelle e i rispettivi mariti, Barry ha uno dei suoi frequenti scatti d'ira e spacca la vetrata del salone, provocando lo sdegno di tutti i presenti che incominciano ad insultarlo e a dargli del maniaco.
Inizia così una delle storie d'amore più singolari, sincere e romantiche degli ultimi anni di cinema, a metà fra la commedia e il drammatico ma comunque sempre leggera e senza pretese, e che malgrado la presenza di scene surreali e ambigue risulta ben più realistica della maggior parte delle pellicole sentimentali che mi sia capitato di vedere, e da cui Anderson decide di allontanarsi nettamente. Non ci sono i soliti clichés del genere, e i personaggi sono vittime di emozioni comuni che normalmente non vengono prese in considerazione. La struttura del film è atipica, apparentemente senza regole. È Barry a dettare i tempi, con la sua impulsività e il suo lasciarsi trasportare da una nuova passione che gli ha già cambiato la vita.
Punch-Drunk Love scorre veloce, sostenuto da dialoghi brevi e vivaci e da una colonna sonora incalzante che, a costo di sembrare esagerata e fuori luogo, contribuisce efficacemente all'atmosfera generale, in particolar modo a quella della prima parte, in cui le sensazioni di ansia ed inadeguatezza provate da Barry vengono trasmesse direttamente allo spettatore. Ed è per questo che il primo bacio fra i due innamorati, in una delle scene più belle del film, rappresenta una sorta di liberazione non solo per Barry, ma anche per chi guarda e spera che Lena possa davvero essere la soluzione a tutti i problemi del protagonista.
Reputato come un film minore di Anderson, a me piace considerarlo come uno dei suoi più importanti. Un piccolo capolavoro energico ed irrazionale in cui tutto è perfetto.

13 commenti:

  1. grande film, visto tantissimi tempo fa ma che voglio assolutamente rivedere :)
    Anderson è uno dei migliori registi viventi, non si discute. dei suoi mi manca solo Sydney, ma- per tutti gli altri, nessuno escluso- solo applausi!

    RispondiElimina
  2. Senza dubbio, uno dei migliori registi in circolazione!
    Rivedere questo film poi è sempre un piacere. :)
    Anche a me manca solo Sydney, che voglio assolutamente procurarmi.

    RispondiElimina
  3. Anche io l'ho visto una marea di tempo fa, ma prima o poi rispolvererò il dvd e lo propinerò a Julez, dato che è l'unico di Anderson che non le ho ancora proposto.
    Ad ogni modo, davvero interessante, profondo e surreale.

    RispondiElimina
  4. Ubriaco d'amore è un gioiello! Aggiungerei che è anche recitato in modo splendido... come quasi sempre accade nei film di Anderson.

    RispondiElimina
  5. Ford, in questo caso è il film perfetto! :D

    Francesca, è vero, da Sandler poi uno non se lo aspetta, e invece... Tra l'altro mi pare che Anderson abbia scritto il ruolo appositamente per lui, ma non vorrei sbagliarmi.

    RispondiElimina
  6. Sì, penso che tu abbia ragione. Sia Anderson che la sua fidanzata di allora, Fiona Apple, erano suoi fan dai tempi del SNL.

    Tra l'altro, questo tipo di interpretazioni mi danno la misura di quanti attori potenzialmente bravi si buttano via o non hanno modo di esprimersi... Ed è un vero peccato.

    RispondiElimina
  7. Esatto, De Niro ad esempio lo fa da una quindicina d'anni. :D E da noi ci sarebbe De Sica...

    RispondiElimina
  8. Ciao! Per me è anche più di "non male". :D

    RispondiElimina
  9. Uno dei miei film preferiti. Quando lo vidi rimasi sbalordito. Non mi aspettavo tanto. Ho però molti amici (anche cinefili) a cui non piace per niente... Io continuo ad amarlo irrazionalmente :) ciao, c

    RispondiElimina
  10. La penso come te. Anch'io mi aspettavo "solo" un bel film e non questo capolavoro. Ciao. :)

    RispondiElimina
  11. Ottimo film. Hai notato che in tutte le scene di dialogo c'è sempre un rumore disturbante di sottofondo?

    Boh, c'è qualcosa in questo film che mi ricorda Svevo ma non riesco a focalizzare cosa.

    Ciao!

    RispondiElimina
  12. Ciao! È vero. E quel rumore a volte copre addirittura le parole. È grazie a dettagli come quello che il film è così riuscito. ;)

    RispondiElimina