sabato 2 luglio 2011

Alien


Di Ridley Scott, 1979 (USA, UK)
Con Sigourney Weaver, Tom Skerritt, Veronica Cartwright, John Hurt, Ian Holm, Yaphet Kotto, Harry Dean Stanton
Scritto da Dan O'Bannon, Ronald Shusett
Montaggio di Terry Rawlings, Peter Weatherley
Fotografia di Derek Vanlint
Musiche di Jerry Goldsmith
Durata: 117 min.

Una delle cose più piacevoli del riguardarsi il primo capitolo della saga dedicata alla specie aliena più spietata di tutti i tempi è il notare - con una certa soddisfazione e in barba al politicamente corretto nauseante di questo periodo - che in quegli anni, sulle astronavi, si poteva ancora fumare.
Il resto è meraviglioso, ma già si sapeva: ambientazioni fantastiche, le uova che si aprono, strani parassiti che ti si attaccano alla faccia, spazio profondo, un alieno praticamente invincibile, Ripley col lanciafiamme...
La storia è più che nota: il computer della Nostromo, un'enorme astronave cargo di ritorno verso la Terra, interrompe il criosonno dei sette membri dell'equipaggio dopo aver captato uno strano segnale proveniente da un piccolo pianeta disabitato. Pena l'annullamento del contratto con la compagnia per cui lavorano, i nostri sono costretti a scendere sul pianeta per indagare, scoprendo che il segnale proviene dal vecchio relitto di una nave aliena al cui interno si trovano centinaia di uova. Avvicinandosi a una di esse, Kane si fa aggredire da un organismo che gli si attacca alla faccia facendolo entrare in coma. Dopo qualche ora l'organismo si stacca, muore, e Kane sembra riprendersi nel migliore dei modi. Per festeggiare, prima di rientrare nel criosonno per i dieci mesi che mancano all'arrivo sulla Terra, l'equipaggio si concede un'ultima cena. Sembrano tutti allegri, dopo le ore di tensione vissute a causa di quel singolare incontro ravvicinato, fino a quando, in una delle scene più famose e citate degli ultimi trent'anni di cinema - girata un'unica volta, senza tagli, con quattro telecamere -, dal corpo di Kane fuoriesce l'alieno che nelle ore successive diventerà l'incubo di ognuno dei sei sopravvissuti - sette, contando Jones.
Quella dell'esplosione finale è una delle poche scene in cui risultano evidenti i trent'anni abbondanti di questa pellicola; per il resto, potrebbe praticamente essere stata girata l'anno scorso. Perfetto, lento ma senza scene di troppo, ricco di tensione e dal fascino artigianale, unisce senza sbavature horror e fantascienza ed è pieno zeppo di scene memorabili. Un altro degli aspetti che contribuiscono alla tensione e all'efficacia del film è che a combattere l'alieno non sono militari armati e addestrati, ma tecnici, scienziati e piloti impauriti, inadeguati al compito ma comunque disposti a tutto pur di riuscire a salvarsi. E poi c'è il senso di attesa, la prima lunga scena senza dialoghi, il disagio che cresce col passare dei minuti, la paura che viene suggerita ma quasi mai direttamente mostrata, al punto che solo verso la fine del film è possibile avere un'idea più chiara delle sembianze dell'alieno.
Nel sequel, Cameron darà alla saga un'impronta più action, in un film forse meno affascinante ma a suo modo quasi perfetto. Per Fincher non sarà facile mantenere così alto il livello, ma il terzo episodio l'ho trovato comunque decisamente riuscito. Per me sarà Jeunet a rovinare tutto, quasi vent'anni dopo questo primo, inarrivabile capitolo.


16 commenti:

  1. Un film memorabile davvero.
    E la scena nel condotto dell'aria con la prima apparizione dell'Alien ancora oggi mi mette i brividi. Fantastico.

    Sui sequel, invece, penso che il meno riuscito sia stato proprio quello di Fincher, forse manomesso dalla produzione.

    RispondiElimina
  2. film veramente INDIMENTICABILE; non ce n'è per nessuno, nel senso che certe sensazioni da incubo non te le dà nessunaltro (Shining, i mortacci di Romero, l'esorcista...)
    FORSE è l'assoluta DIVERSITA' dell'Alieno che sgomenta: non ha voce, non emette suoni, non ha una vera e propria faccia...

    RispondiElimina
  3. film grandioso, capostipite della sci-fi e dell'action moderno. Scott qui è al suo meglio, ma la sceneggiatura di O'Bannon è un capolavoro.

    RispondiElimina
  4. "Una delle cose più piacevoli del riguardarsi il primo capitolo della saga dedicata alla specie aliena più spietata di tutti i tempi è il notare che in quegli anni, sulle astronavi, si poteva ancora fumare."


    Ahhhahaha! Ma sto morendo! Genio!
    Mi hai fatto venire voglia di rivederlo, saranno dieci anni che non ripasso la lezione...

    p.s. ti posso consigliare un film di fantascienza, visto che sei nel genere? Faq about time travel. Io lo adoro...

    RispondiElimina
  5. Condivido-
    Un altro aspetto interessante che dà un tocco
    il legame di Ripley con il gattone rosso Jonsie
    le scene in cui cerca di mettere in salvo il
    micio sono cariche di pathos-In un mondo futuro
    rassicuranti affetti del passato,presenze non
    sostituibili,un chiroscuro tra l'alieno e il micio
    Egill

    RispondiElimina
  6. Ford, quella è una delle più riuscite, ma ogni scena sarebbe da citare. :D
    Io del terzo ho un buon ricordo, comunque in questi giorni mi rivedrò anche quello.
    Il quarto invece l'ho rivisto un po' di tempo fa, e per farmelo odiare è bastata la scena in cui Ripley fa canestro senza guardare...

    ilbibliofilo, benvenuto. Hai citato dei filmoni però! :D
    L'alieno è perfetto!

    Alessio, niente da aggiungere, e Scott a questi livelli non si è più fatto vedere.

    Alice, :D
    Se è da dieci anni che non lo vedi rimarrai incantata. Se poi lo recuperi magari dedicagli qualche riga. :D
    Grazie! Faq about time travel a questo punto lo recupero di sicuro, avevo già anche letto il tuo post.

    Egill, benvenuta! Vero, il micio è mitico. Anche la scena in cui Brett si mette a cercarlo chiamandolo per nome mi è sempre piaciuta.

    RispondiElimina
  7. Ne scriverò ma chissà quando, sono presa da un sacco di visioni di horror e scifi serie z... Per tornare in seria A ci vorrà tempo!
    FAQ credo sia il mio film preferito sui viaggi del tempo (tolto Doctor Who, sia chiaro), se la gioca con Donnie Darko, Ritorno al futuro e Terminator, per intenderci...

    RispondiElimina
  8. "Ne scriverò ma chissà quando, sono presa da un sacco di visioni di horror e scifi serie z..."
    Qualcosa da consigliare? :D

    RispondiElimina
  9. ieri sera ho visto Terminal Invasion... Ne sto per scrivere ma, in soldoni, a me è piaciuto un sacco. E poi c'è il buon Bruce...

    RispondiElimina
  10. Quanto ti manca per finire la sua filmografia? :D

    RispondiElimina
  11. oh ancora molto... Sto recuperando la prima stagione di Xena the warriors, dove interpreta il re dei ladri o qualcosa del genere.
    Ho deciso che inizierò una nuova rubrica e farò dei riassunti di ciò che ogni attore che amo ha fatto di meritevole o di brutto brutto brutto... Ci vorranno anni, ogni attore mi occupa minimo una settimana di tempo, ma mi sto un sacco divertendo in questi pomeriggi!

    RispondiElimina
  12. Aspetto il primo post allora!
    Intanto mi sono appena visto Terminal Invasion. :D

    RispondiElimina
  13. e come ti pare???
    Ti devo ancora rispondere alla mail ma, come al solito, non ho mai voglia. Abbi fiducia, appena recupero le forze ci provo...

    comunque non lo so se riesco a fare un post dedicato: c'è troppa roba che meriterebbe attenzione più particolareggiata... che casino!

    RispondiElimina
  14. Terminal Invasion è proprio come l'hai descritto di là: una vaccata, che però diverte. :D
    Per la mail ovviamente non c'è problema, rispondi quando hai voglia.

    RispondiElimina
  15. meno male!
    Ultimamente ho voglia solo di queste cose qui, avrei una serie infinita di film impegnati ma non ce la posso fare...
    Ho tentato anche di vedere Inland Empire e mi sono addormentata, una vergogna!

    RispondiElimina
  16. Be', Inland Empire è pure lunghissimo. :D

    RispondiElimina