giovedì 13 gennaio 2011

Buried - Sepolto


Buried
Di Rodrigo Cortés, 2010 (Spagna, USA, Francia)
Con Ryan Reynolds, Samantha Mathis, Stephen Tobolowsky, José Luis García Pérez
Scritto da Chris Sparling
Montaggio di Rodrigo Cortés
Fotografia di Eduard Grau
Musiche di Victor Reyes
Durata: 95 min.

Un camionista americano di servizio in Iraq si risveglia imbavagliato in una bara. Servendosi di un telefonino mezzo scarico lasciatogli dai sequestratori (come mai lo hanno legato se volevano che lo usasse?) proverà a chiamare amici, parenti, conoscenti e autorità varie per farsi salvare e ottenere il pagamento del riscatto.
Una critica alla politica guerrafondaia e capitalista delle "democrazie" occidentali? O semplicemente un tentativo di farci vivere novanta minuti di claustrofobica tensione nei panni di una vittima innocente rinchiusa in una bara? In ogni caso il film risulta inconcludente, e sa tanto di occasione sprecata.
Interamente ambientato nel buio appena squarciato da uno zippo o da una torcia malfunzionante, si basa sull'esasperazione di Conroy e sui suoi dialoghi frammentati con gente che vorrebbe aiutarlo ma non può, o con altra che più semplicemente se ne frega (come il rappresentante della ditta per cui Conroy lavora, che a pochi minuti dalla probabile morte del suo interlocutore si preoccupa di fargli registrare al telefono una dichiarazione che metta al sicuro la società da ogni eventuale responsabilità). Si nota anche qualche colpo di scena qua e là, come l'apparizione di un serpente e due o tre esplosioni... E poi c'è l'eterna lotta contro la batteria del cellulare. Insomma, niente di particolarmente solido su cui appoggiarsi per rendere interessante il film.
C'è comunque da ammettere che non ci si annoia più di tanto; i novanta minuti per fortuna passano relativamente in fretta.

9 commenti:

  1. mi trovi in accordo, un tentativo potenzialmente interessante ma poco riuscito. comunque si fa guardare, il che per un film ambientato in una bara è già qualcosa :)

    RispondiElimina
  2. Concordo anche io, ottimista.
    Anzi, forse sono stato anche un pò più cattivo, in proposito.

    RispondiElimina
  3. @ Marco: Esatto, ma rimane proprio una delusione.

    @ James: Ho visto, la "sola con i controcazzi" in effetti non ti è piaciuta molto. :D

    RispondiElimina
  4. ...in compenso dev'essere costato € 3,50.
    I 3 € rappresentano il cachet del serpente, resta inteso. :)

    RispondiElimina
  5. Se li è meritati più lui di Reynolds. :D

    RispondiElimina
  6. Oh, finalmente una bella stroncatura! Ho incrociato solo persone sbavanti per questa roba... che è proprio come la descrivi tu.
    Ma se andiamo sempre d'accordo, non ci divertiamo! .-P

    RispondiElimina
  7. :D

    Brutto brutto! In effetti è piaciuto praticamente a tutti. Mah...

    RispondiElimina
  8. Tipo a me...

    L'ho trovato un ottimo film sperimentale, pieno di errori sì, ma unico, assolutamente unico nel suo genere. L'unica cosa che non ho sopportato è un cavillo etico, magari vieni a dare un'occhiata. Ciao.

    RispondiElimina